LA STORIA DELL'ALBERO DELLA VITA

L’Albero della Vita, all'interno di Expo 2015, è stato il simbolo del Padiglione Italia.

L'albero alto 37 metri è costituito di acciaio e legno, ed è situato al centro della Lake Arena.

Seppure terminato l'evento Expo 2015 nel 31 ottobre 2015, l'Albero della Vita rimane tuttora nella stessa collocazione a causa delle evidenti difficoltà logistiche e dei costi troppo elevati richiesti da un eventuale smontaggio e trasferimento in altro luogo.

Nato da un'idea del direttore artistico del Padiglione Italia Marco Balich e progettato dallo studio Giòforma, è stato finanziato e realizzato dal Consorzio Orgoglio Brescia, costituito da 19 imprese bresciane.

L'opera rappresenta, al contempo, scultura, installazione, edificio e monumento, con chiari rimandi al Rinascimento Italiano e alla struttura pavimentale di piazza del Campidoglio a Roma creata da Michelangelo nel XVI secolo.

Durante il giorno e la notte di Expo 2015 l'Albero della vita è stato protagonista e ricco di spettacoli di luce e acqua, accompagnati da musiche iconiche della cultura italiana. Compositore delle musiche originali dell’Albero della vita (Tree of Life Suite) è Roberto Cacciapaglia.

Nei sei mesi di Expo sono state 14 milioni le persone che assistettero agli spettacoli dell'Albero della vita, i due terzi dei visitatori totali.